Introduzione

Milano, capitale della moda, del lusso, degli affari e della nebbia, mostra sempre con timidezza, il suo patrimonio artistico, storico e culturale, ma per il visitatore attento questa città sa essere ospitale ed accogliente pur senza grandeur e ostentazione.
Milano è una città tutta da scoprire, per conoscere i suoi tesori ci vorrebbero giorni e giorni.
I turisti in visita nel capoluogo lombardo sono catturati dalla poesia di certi scorci, palazzine e vetrate di stile liberty, piccole perle architettoniche disseminate un po' dappertutto.


lunedì 14 aprile 2008

Parco Lambro





















Il parco Lambro, attraversato dall'omonimo fiume, è la più grande
ed estesa area verde della città, con una superficie che supera
il milione di metri quadrati.
Nato nel 1936, su progetto di Enrico Casirghi, racchiudeva l'obiettivo
di preservare un’area paesaggistica tipicamente lombarda
quasi del tutto perduta, a causa del taglio di molti degli alberi presenti,
trasformati conseguentemente in legna da ardere, per far fronte ai rigori del gelo, e della guerra.
Risistemato ed esteso negli anni successivi, oggi è meta di chi
ama l'aria aperta.
Tante, anzi tantissime, sono le persone che si recano al Parco Lambro:
giovani, coppie, nonni e bambini, tutte con lo scopo di divertirsi facendo
ciò che più gli piace: correre, andare in biclicletta, pranzare,
prendere il sole, andare nello di skatepark del parco etc.

venerdì 4 aprile 2008

Parco Forlanini
























Il parco Forlanini, situato nella zona est della città,
a ridosso dell'omonimo viale, è considerato uno dei polmoni
verdi della metropoli milanese.
Attraversato da una serie e fitta rete di viali alberati,
al suo interno troviamo anche lo splendido e morbido
laghetto Salesina, alimentato da acque di falda e piovane.
Inaugurato nel 1970, il Parco Fornalini, ricopre una superficie di 750.000 metri quadrati, nella quale uccelli e pesci trovano un sicuro rifugio, confacente habitat lussureggiante.
Considerato un ideale luogo di incontro per podisti, a seguito
dei numerosi percorsi che si sviluppano al suo interno,
può essere identificato anche come un angolo cittadino tranquillo,
dove passare un quieto pomeriggio, fare due passi e
cimentarsi nel percorso vita.
Nel 2002 è stato inaugurato il bosco dei faggi
per ricordare le 118 vittime del disastroso incidente aereo di Linate.

mercoledì 19 marzo 2008

Notte in centro





















Ennesima notte in centro, e come al solito Milano riesce
sempre a sorprendere.
Le luci, i colori e le persone a tarda notte riescono a infondere
quella sensazione di benessere e stupore, quasi come se fosse
la prima volta, il primo incontro.
Il mio giro comincia passeggiando nel quadrilatero della moda,
tra vie elegantissime, caratterizzate da vetrine, boutique e showroom
dove design, lusso e tecnologia si fondono per creare stupore;
ed ecco che in un momento son già arrivato in corso Vittorio Emanuele.
L'atmosfera cambia, il fascino e lo stupore svaniscono
per lasciare spazio alle emozioni.
Continuo a camminare, fino in piazza Mercanti, ormai la poca gente
sta andando via, io rimango, un amore platonico e forse utopico
mi legano a lei, assaporo e mi lascio trasportare,
ecco i tratti che adoro della mia città.

Volete scrivere un'articolo?

Ho appena istituito un wiki http://milanocittadarte.wetpaint.com/ per darvi la possiblità di collaborare e grazie al vostro aiuto di migliorare il blog.

Da oggi Milano città d'arte è anche su facebook!

Iscriviti anche tu al gruppo e lascia i tuoi commenti!
http://www.facebook.com/group.php?gid=40447089534